Home A 5 allenatori senza squadra che potrebbero servire alla Serie A

5 allenatori senza squadra che potrebbero servire alla Serie A

1288
0
SHARE
In foto: Harry Redknapp

Nel calcio si sa, quando le cose vanno male i primi a pagare sono sempre gli allenatori. Ed in un campionato italiano strano come quello in corso, dove stiamo ammirando squadre blasonate sempre più in crisi, è solo questione di tempo prima che qualche panchina inizi a saltare. Blogdicalcio.it vi guida allo scoperta dei cinque allenatori attualmente senza squadra che potrebbero risollevare le sorti di molti club italiani.

Marcelo Bielsa
El Loco sarebbe un colpaccio per la Serie A. Più che per i trofei vinti (nessuno), l’argentino è ammirato da quasi tutti in Europa per l’impronta spettacolare che riesce ad imprimere alle proprie squadre. I capolavori più recenti li ha fatti registrare come allenatore di Athletic Bilbao e Marsiglia, squadre che nonostante l’assenza di grandi nomi sono state avversarie ostiche per chiunque.

Roberto Di Matteo
Un nome sicuramente non altisonante, ma che porterebbe con sé esperienza internazionale ed una nuova mentalità. I suoi principali successi li raggiunge come allenatore del Chelsea, quando subentrato all’esonerato Villas Boas porta i blues alla vittoria della Champions League e della Coppa d’Inghilterra nella stagione 2011/2012. Dopo quella magica annata continua ad allenare la squadra di Roman Abramovich per un’altra stagione, ma viene esonerato nel novembre 2012. Nell’estate del 2014 viene ingaggiato dallo Schalke 04, ma l’avventura tedesca dura solo una stagione.

Walter Mazzarri
La travagliata avventura vissuta con l’Inter non rende onore all’egregia carriera realizzata dal tecnico toscano fino ad allora. Da allenatore ha guidato Livorno, la miracolosa Reggina, Sampdoria e Napoli, ottenendo sempre buoni risultati, scoprendo e valorizzando ottimi giocatori. Qualora chiamato in causa farebbe sicuramente bene.

Vedi anche  Milan, 6 giocatori ceduti in fretta che oggi servirebbero a Brocchi

Harry Redknapp
Dopo una vita passata in Premier League potrebbe non disdegnare un’avventura italiana. Il suo Palmarès può contare su una coppa d’Inghilterra vinta nel 2007 con il Portsmouth. Non ha vinto molto, ma sarebbe adatto per le squadre di media-alta classifica del nostro campionato.

Giuseppe Iachini
Una sorta di aggiustatutto. Due sono le specialità della casa. Centrare la promozione in Serie A con le squadre della serie cadetta e rendere più solide ed in grado di salvarsi dalla retrocessione le squadre in crisi. Non è il tipico allenatore che dà alle proprie squadre un’impronta spettacolare, bensì è uno che bada più alla sostanza. L’ultimo suo club è stato il Palermo, dal quale è stato esonerato nel corso della stagione attuale e i cui risultati delle gestioni successive sono sotto gli occhi di tutti.