Home News Addio a Johan Cruijff, icona del calcio della ‘Beat Generation’

Addio a Johan Cruijff, icona del calcio della ‘Beat Generation’

1040
0
SHARE

Il mondo del calcio dice oggi addio a Johan Cruijff, uno dei più grandi calciatori di sempre, morto dopo una lunga malattia all’età di 68 anni. Cruijff è stato l’icona di un calcio generazionale, quello degli anni ’60 e ’70, rappresentato, all’apice, dalla sua classe cristallina e dall’Ajax più forte di sempre. Un calcio nuovo, dinamico, rivoluzionario, estensione ideale dell’energia positiva dei movimenti sessantottini, si opponeva agli schemi statici e preordinati del passato per liberare la fluidità dei gesti e la disinvoltura del gioco d’attacco. E di questo calcio, Cruijff ne era il principe.

Non è un ricordo che appartiene ai trentenni di oggi, che pure, grazie ai racconti di chi ha vissuto quegli anni o dopo aver visto alcuni filmati, possono conservarne memoria. I primi video delle partite a colori, i giocatori, dal fisico asciutto, portano capelli lunghi e basettoni. Le notti, tra mille flash, della Coppa di Campioni del 1971-1972-1973, anni in cui Cruijff, giovanissimo, conquista, per 3 volte consecutive, il titolo europeo con i lancieri di Amsterdam.

La finale Olanda-Germania dei Mondiali del 1974. Quei 90 secondi iniziali in cui gli olandesi del ‘calcio totale’ non fanno toccare palla ai tedeschi, e Cruijff, dopo una strepitosa azione personale, conquista il calcio di rigore del momentaneo 1-0. L’esultanza delle mogli degli orange sulle tribune, espressione di un’idea felice di sport e di vita, lontana dagli stereotipi del passato. E non importa che alla fine sia la Germania Ovest a trionfare.

Vince il calcio scanzonato, per una volta, i capelli ‘alla Beatles’, i calzettoni abbassati all’altezza delle caviglie e le regole più spregiudicate del gioco. Cruyff, in quegli anni che non abbiamo vissuto, è l’eroe del calcio della ‘Beat Generation’, della ribellione ai padri, della musica rock e beat, dei movimenti pacifisti e del desiderio di esprimere la propria libertà come autentica emancipazione.

Vedi anche  La Top 11 del Milan di Berlusconi

Si potrebbero raccontare tante altre storie riguardo alla figura carismatica, eccelsa di Johan Cruijff. I suoi trascorsi, di assoluti rilievo, nel Barcellona, come giocatore prima e come allenatore poi, la storica sostituzione con Marco Van Basten, a segnare un simbolico passaggio di consegne, i tre palloni d’oro vinti in carriera. Ma la più bella di tutte è, probabilmente, ricordare quale fosse il suo ruolo in quell’epoca splendente.

Addio Cruijff, addio Principe.