Home A Confronto economico tra le 4 semifinaliste di Champions e le prime 4...

Confronto economico tra le 4 semifinaliste di Champions e le prime 4 di A (INFOGRAFICA)

427
0
SHARE
Il n.1 FIFA Gianni Infantino e Javier Zanetti ambasciatore Milano 2016

Sono passati 13 anni da quando l’Italia come nazione portava ben 3/4 squadre in Champions League, esattamente parliamo della stagione 2002/2003, culminata col successo del Milan, ove l’unica squadra “straniera” era il Real Madrid.

Quella stagione segno il picco de “il calcio” (come gli stranieri si riferiscono alla serie A), poi il declino, sportivo prima, economico poi, in favore di Spagna, Inghilterra e Germania, nazioni che da allora hanno vinto rispettivamente 5 volte gli spagnoli (di cui 4 il Barça), 3 le inglesi, 2 l’Italia con Milan e Inter (che non partecipano dal 2013 alla competizione) e 1 per parte Germania e Portogallo.

La geografia del calcio è cambiata, e le squadra italiane che dominavano dalla metà degli anni 60 in poi non regnano più nel “vecchio continente”, in favore di realtà nuove come l’Atletico e altre consolidate e blasonate come il Real e il Bayern, che negli ultimi tempi sono ospiti fissi alla tavola più ricca delle competizioni per club.

Le nostre squadre sono dietro per fatturato, valore della rosa e numero di spettatori medi, tutti fattori economici che se moltiplicati tra loro, danno la somma della diminuzione dei posti Champions League a disposizione, e delle mancate vittorie finali.

Vediamo i gap economico-sportivi tra le 4 semifinaliste di questa edizione della Champions League, e l’attuale Serie A, per supportare la nostra tesi.

Il declino del calcio italiano passa dalle minori entrate economiche che l’Italia per sistema-paese non riesce a produrre, anche se la Juventus è una società all’avanguardia in questo paese per queste prerogative: stadio di proprietà, attività sui social e produzione di ricavi commerciali “diversi”.

Screen Shot 2016-04-28 at 14.32.35

Tre su quattro delle squadra italiane presenti nell’infografica parteciperanno all prossima edizione di Champions League, chissà se faranno tesoro dal caso di successo Atletico, o se invece saranno solo comparse alla festa “degli altri”.