Home A Corsa salvezza, prospettive e scenari: cosa potrebbe succedere nelle prossime due giornate

Corsa salvezza, prospettive e scenari: cosa potrebbe succedere nelle prossime due giornate

602
0
SHARE
Foto: Fabio Quagliarella, Sampdoria (Gabriele Maltinti/Getty Images Europe)

Ci siamo. Stiamo per immergerci nella penultima giornata di un campionato in parte ricco di sorprese. Se al vertice nel bene e nel male sono state confermate le gerarchie della passata stagione, nella parte bassa della classifica ogni ordine logico è stato scombinato. Chi avrebbe pronosticato ad inizio stagione il pericolo retrocessione per Sampdoria, Udinese e Palermo? Dal prossimo week-end nulla potrà essere dato per scontato, vincere sarà l’unica valida alternativa per le squadre interessate nella corsa alla salvezza, nella speranza che il caso non giochi dei brutti scherzi. Ecco i possibili scenari e le possibili prospettive che potrebbero verificarsi in questa pazza corsa salvezza.

Sampdoria: a differenza di quanto ci si potesse immaginare ad inizio stagione la Sampdoria di Montella rischia di rimanere impelagata nelle sabbie mobili della zona retrocessione, e le conseguenze potrebbero essere drammatiche. A dirlo è il calendario. Nelle ultime due giornate di campionato i blucerchiati dovranno affrontare il Genoa in un infuocato derby della lanterna e la Juventus neo campione d’Italia. Certamente per centrare la salvezza servirà la migliore Sampdoria della stagione, ma la salvezza potrebbe arrivare anche in caso di sconfitta nel derby, qualora una squadra tra Carpi e Palermo non dovesse vincere.

Udinese: Con l’arrivo di De Canio la squadra sembrava aver ripreso a correre, ma smaltita la sbornia della strepitosa vittoria contro il Napoli i bianconeri sono tornati a fare i conti con la triste realtà. Una salvezza ancora da raggiungere, resa più difficile da prestazioni non esaltanti in gare decisive. I friulani dovranno affrontare l’Atalanta e all’ultima giornata il Carpi, squadra in piena lotta salvezza. Una vittoria contro gli orobici potrebbe non bastare in caso di mancata sconfitta della squadra di Castori. In quel caso tutto si deciderebbe nell’ultima gara, con gli emiliani momentaneamente in vantaggio negli scontri diretti.

Vedi anche  Le ultimissime dai campi: i ballottaggi degli allenatori
Grafica Blog di Calcio. In rosso le partite in trasferta, in bianco quelle casalinghe.
Grafica Blog di Calcio.
In rosso le partite in trasferta, in bianco quelle casalinghe.

Carpi: Dopo la storica promozione in massima serie, la squadra emiliana dovrà cercare di guadagnarsi un altrettanto storica salvezza e il futuro è tutto nelle sue mani. Agli uomini di Castori servirà vincere contro la Lazio e giocarsi tutto nell’ultima sfida della Serie A contro i concorrenti dell’Udinese. Se le squadre dovessero presentarsi ferme a quota 38 punti alla sfida decisiva, al Carpi potrebbe anche bastare un pareggio, in quanto gli scontri diretti premierebbero i biancorossi.

Palermo: Se dovessimo dare un titolo alla pazza corsa salvezza che attende il Palermo nelle ultime due giornate potremmo chiamarla “Palermo contro tutti”. I rosanero per poter ottenere la salvezza certa devono vincere necessariamente le gare contro Fiorentina e Verona, sperando in almeno una sconfitta per Udinese, Carpi, o Sampdoria. Giocarsela con la differenza reti (in caso di arrivo a pari punti con altre squadre) potrebbe essere rischioso. Rispetto alla Sampdoria la differenza reti di -28 sarebbe una mannaia.

Frosinone: i ciociari devono fare i conti con una situazione disperata. Hanno l’obbligo di centrare due improbabili vittorie contro Sassuolo e Napoli (ancora in corsa per i loro ispettivi obiettivi stagionali) e sperare in ben due sconfitte a testa per Palermo e Carpi. Il futuro non dipende dalle prestazioni dei gialloblu. E questo è davvero un peccato.