Home News I 5 Bomber che non ti aspetti di Euro 2016 (VIDEO)

I 5 Bomber che non ti aspetti di Euro 2016 (VIDEO)

410
0
SHARE
I 5 bomber che non ti aspetti di Euro 2016
Emanuele Giaccherini (31 anni), contro il Belgio

I bomber che non ti aspetti, è questo il tratto distintivo delle prime 10 partite di Euro 2016.

A dispetto dei nomi altisonanti dei vari Griezmann, Ibrahimovic, Rooney, Vardy e Kane, sono i difensori e i centrocampisti non proprio abituati a gonfiare la rete, a finire con maggiore frequenza nei tabellini di Euro 2016.

iniziando dall’esordio della Francia, sebbene Giroud, una punta, abbia aperto le marcature del torneo, gli uomini più attesi come Pogba e Grizemann, si sono lasciati attendere, in favore di Payet. Dimitri è uno che è arrivato tardi nel “gota” del calcio europeo e nemmeno tanto avvezzo a fare gol, in quanto predisposto per gli assist, ma ha messo a segno un gioiello.

VIDEO:

Parlando sempre delle altre 4 favorite assieme alla Francia, ovvero: Germania, Spagna, Inghilterra e Italia, i loro uomini-gol non sono stati quelli che tutti gli appassionati si aspettavano.
A regolare l’Ucraina di Shevchenko vice-allenatore, per la Germania ci ha dovuto pensare Mustafi, uno che di professione fa il marcatore (ex-Sampdoria).

VIDEO:

Per gli inglesi invece, da cinqunt’anni alla ricerca di una vittoria a una fase finale di mondiali e europei, Eric Dier su punzione (Totthenham), che non ruba la scena come i suoi compagni di squadra Dele Alli e Kane, ha sengato contro la Russia per i “tre leoni”.

VIDEO:

Gli spagnoli campioni in carica ancora, hanno dalla loro palleggiatori fini, e abili trequartisti in forza a Barça e Real, ma il salvatore della patria contro la Repubblica Ceca si chiama Gerard Pique, un attaccante aggiunto sulle palle inattive, ma al pari di Mustafi, di professione difensore, tra i più decisi quando si tratta di difendere il “fortino”.

Vedi anche  Foggia, che record: rimontate 3 reti al ritorno in Coppa Italia Lega Pro: in Italia era successo solo un'altra volta

VIDEO:

Infine i nostri azzurri. Contro il Belgio l’uomo meno atteso e in generale più criticato dalla stampa al momento delle convocazioni: Giaccherini, ha “timbrato il cartellino”.
Il tutto-campista di Conte, è stato abilissimo nello stoppare un pallone di Bonucci con maestria, e insaccare alle spalle dei 199 cm di Thibaut Courtois (non uno scarso), mandando in visibilio tutto lo stivale, compresi i suoi detrattori.

VIDEO:

Tra le favorite manca solo il Portogallo, vedremo se Cristiano farà la differenza, o rimarrà a secco come i suoi illustri colleghi.