Home A Juventus, tre giovani talenti vicinissimi: chi sono e da dove vengono

Juventus, tre giovani talenti vicinissimi: chi sono e da dove vengono

1248
0
SHARE
Foto ©Jussi Eskola per Uefa.com

Tre calciatori per rafforzare la Primavera a disposizione di Fabio Grosso e creare l’ossatura in vista della Juventus che sarà. Beppe Marotta monitora il mercato dei grandi, cerca qualche occasione in uscita ma guarda molto anche alla situazione dei giovani e per Gennaio prova a piantare tre semi nel già importante orto bianconero. Sono tre i calciatori che i campioni d’Italia vorrebbero portare a Vinovo già nei prossimi giorni. Andiamo a scoprire chi sono, quali possibilità ci sono per l’acquisto e da dove vengono.

ROLANDO MANDRAGORA è sicuramente il più quotato dei tre. Classe 1997, è di proprietà del Genoa, con il quale ha già debuttato in Serie A nella passata stagione (5 presenze). Quest’anno è in prestito al Pescara e la Juve vorrebbe acquisire il cartellino dal Genoa per una cifra vicina ai 5 milioni e lasciarlo in prestito in Abruzzo. Più mediano che centrocampista centrale, gioca basso davanti alla difesa. Mancino naturale, ha giocato in stagione 15 partite in stagione con i biancoazzurri, di cui 12 da titolare. Unica pecca: è molto falloso. Ha già collezionato 8 ammonizioni in questo campionato. Buon calciatore su cui lavorare.

FRANK KANOUTE’ è invece quello più vicino. Ha appena compiuto 17 anni (1998), ed era stato a lungo cercato dal Napoli. A Castelvolturno si era allenato anche con la Primavera azzurra prima di scegliere, come sembrerebbe dalle ultime indiscrezioni, i bianconeri. Centrocampista abile a trasformare palle sporche in palloni giocabili, bravo fisicamente e in interdizione.

KAAN KARINEN
In Finlandia è considerato un’autentica promessa del calcio europeo. Ha compiuto 17 anni lo scorso 22 Dicembre ed è anche lui nato nel 1998. Gioca già nella prima squadra dell’Inter Turku, ha una buona maturità e una buona intelligenza calcistica. Sembra avere più dei 17 anni che invece ha, ha esordito in prima squadra che ancora doveva compiere 16 anni e in patria lo paragonano a Litmanen.