Home News La top 5 dell’Inter Primavera pronta per il grande salto

La top 5 dell’Inter Primavera pronta per il grande salto

987
0
SHARE

Il torneo di Viareggio è stato appena archiviato con l’affermazione della Juventus giunta alla vittoria numero 9 della sua storia, eguagliando il Milan in questa speciale classifica. La grande delusa del torneo, alla luce anche del primo posto nel girone B è l’Inter di Mister Stefano Vecchi.

Nel torneo della consacrazione del talento “rosanero” La Gumina, palermitano-doc e con una storia alla “Messi” a fare da contorno, i giovani talenti neroazzurri, hanno sfiorato l’impresa proprio contro il Palermo, riuscendo quasi nella rimonta da 3-0 contro gli isolani di Zamparini, che complice un arbitraggio “discutibile”, e le espulsioni del tecnico, e del Terzino Sobacchi, hanno condannato i giovani neroazzurri ad una uscita anticipata.

Nonostante gli innesti saltuari in rosa delle “star” radicate in prima squadra come Gnoukouri e Manaj, l’under 20 neroazzurri è colma di talento e di speranze, nomi d’arte e perfetti sconosciuti che partono sempre dalla panchina e scrivono il loro nome sul tabellino marcatori. Vediamo chi sono i papabili “saranno famosi” dell’Inter primavera:

Ionut Radu: Portiere rumeno classe ’97, chioma ossigenata che non passa inosservata, e leader della difesa neroazzurra. Sole 17 reti subite in campionato, che fanno del fortino neroazzurro la miglior difesa del girone B, e in generale la seconda in assoluto dietro solo alla Roma, che ne ha presi 15 in tutto il panorama primavera.

Razvan Popa: Altro classe ’97, stessa nazionalità del portiere Radu. Fisico da colosso, fascetta tra i capelli e stile di gioco che ricorda Chivu, non solo per come guidi i compagni della retroguardia, ma per una impressionante similitudine nei tratti somatici. Già aggregato alla prima squadra, ove veste la maglia numero 56 tra i “grandi” di Mancini è il classico numero 5 in campo, numero che vestì proprio Chivu agli esordi con i lancieri dell’Ajax in Olanda. Un bel prestito in Serie B per il centrale di Bucarest sembra la soluzione migliore per un marcatore tutta sostanza, che ha bisogno però, di misurarsi con avversari ben più pericolosi dei pari grado primavera.

Vedi anche  I 10 esuberi più onerosi di questa sessione di mercato di Serie A

Stefano Vecchi: tecnico bergamasco 44 enne autore di questo collettivo straordinario, viene da un biennio interessante, iniziato con la coppa carnevele (si, siamo nostalgici del vecchio brand della manifestazione) dell’anno scorso, e che quest’anno vede i suoi “pulcini” già in finale di coppa Italia primavera che si disputerà in una finale andata e ritorno contro la Juve, e capolista del suo girone a 4 turni dalla fine della “regular season” con ottime chance di arrivare allo scudetto primavera, Roma Juve e Palermo permettendo. Per lui vediamo un futuro in Serie A, come accadde per Stramaccioni, che pare stia per tornare l’anno prossimo su qualche panchina da metà classifica come Torino o Atalanta

Josè Correia: Si scrive Correia e si legge Zè Turbo, nickname brasiliano affidatogli per le eccellenti doti atletiche del numero 9 neroazzurro. Capocannoniere della squadra con 7 gol, state sicuri che sentiremo parlare di lui, con quel nome poi, sarà impossibile dimenticarlo, soprattutto per le difese avversarie.

Andrea Pinamonti: Bomber di scorta classe ’99, maglia numero 23 e granatiere dell’area di rigore. Andrea per ovvie ragioni anagrafiche non parte mai titolare, ma è il 12^ uomo in campo e quando entra, si iscrive subito non solo al referto arbitrale, ma anche al tabellino marcatori.

A nostro avviso per età, fisico e senso del gol, Pinamonti è il prospetto più interessante della primavera neroazzurra, vedremo se confermerà la sua verve anche domani contro la Salernitana.