Home A Le 10 partite più belle della Serie A nel 2015

Le 10 partite più belle della Serie A nel 2015

1787
0
SHARE

Il 2015 ci saluta e ci lascia in eredità un altro anno calcistico che sarà, si spera, pieno di emozioni e partite belle come quello appena finito. Abbiamo deciso di rivivere tutte le partite più belle della Serie A del 2015, tra la seconda parte del campionato 2014-2015 e la prima parte di quello 2015-2016. Abbiamo rivisto partite piene di colpi di scena, grandi rimonte, match emozionanti e dopo un dibattito in redazione abbiamo scelto le migliori 10. Eccole.

FIORENTINA-PALERMO 4-3 11 GENNAIO 2015

La Fiorentina vince in casa in uno dei momenti più bui della scorsa stagione, giocando una partita spettacolare. I viola, reduci dalla sconfitta di Parma nel turno dell’Epifania, danno spettacolo: passano in vantaggio 2-0, si fanno rimontare sul 2-2, poi vanno di nuovo in doppio vantaggio e subiscono un gol su rigore a 10′ dal termine. In tutto questo c’è una giocata di Borja Valero da ricordare (con tiro infranto sul palo), una delle ultime partite di Cuadrado a Firenze e un gol da antologia di Joaquin.

ROMA-LAZIO 2-2 11 GENNAIO 2015

Uno dei derby più belli degli ultimi 10 anni: la Lazio va in vantaggio 2-0 con due gol bellissimi. Sul primo Anderson inventa un pallonetto per servire Mauri, che colpisce al volo, sul secondo è lo stesso brasiliano a calciare da fuori e realizzare. La ripresa è il monologo di Totti: il capitano giallorosso riapre con un tiro a botta sicura e pareggia con un’acrobazia bellissima sul secondo palo. E poi selfie. Di quelli da conservare.

CESENA-TORINO 2-3 18 GENNAIO 2015

Un’altra chicca: il Cesena in piena corsa per non retrocedere va sotto 0-2 contro un buon Toro targato Benassi-Quagliarella, poi rimonta con Brienza. Il trequartista ex Palermo, per l’occasione in maglia rosa, trasforma in gol due rigori. Il secondo, a cinque minuti dal termine, con un cucchiaio da infarto. Sul finire Maxi Lopez riporta il Toro in vantaggio: per Maxi era la prima rete con i granata, ed era arrivata sotto la sponda granata della Mole da pochi giorni.

VERONA-CESENA 3-3 4 APRILE 2015

La più classica delle rimonte. Questa volta è il Cesena a compiere l’impresa sportiva quando tutto sembrava perduto. Toni dopo appena tre minuti indirizza la partita sui binari veronesi, poi l’Hellas raddoppia con un gol bellissimo di Gomez e a inizio ripresa triplica ancora con Toni. In tutto questo il Cesena si mantiene vivo e in 10 minuti pareggia. Tre a tre è sinonimo di spettacolo, figurarsi in spettacolo.

EMPOLI-NAPOLI 4-2 30 APRILE 2015

La lezione di Maurizio Sarri a Rafa Benitez. L’allenatore toscano imbriglia il Napoli con un primo tempo fantastico, chiuso sul 3-0. Nella ripresa i partenopei riaprono i giochi ma vanno sotto 4-1 e si rianimano solo nel finale con il gol di Marek Hamsik. Da segnalare 3 autoreti su 6 realizzazioni, e un gol bellissimo di Riccardo Saponara nel recupero del primo tempo.

SASSUOLO-MILAN 3-2 17 MAGGIO 2015

Terzultima giornata dello scorso campionato. Un Milan sempre più in crisi subisce l’ennesimo show di Berardi contro i rossoneri. Tripletta per il giovane calciatore calabrese che porta i neroverdi avanti 2-0 già nel primo tempo. Tra la fine della prima frazione di gioco e l’inizio della seconda i ragazzi di Inzaghi pareggiano, ma nel finale è ancora Berardi a dare il colpo di grazia al Diavolo. La sconfitta che un anno prima per Allegri volle dire esonero, per Inzaghi è stata la Caporetto definitiva.

NAPOLI-LAZIO 2-4 31 MAGGIO 2015

Questa partita vale doppio. Si tratta di un 2-4 bellissimo tra due squadre che giocano bene al calcio, ma c’è di più. Era di fatto uno spareggio che voleva dire qualificazione alla Champions League. La Lazio va sopra per 2-0, poi si fa rimontare ma si può accontentare del pareggio. Qui succede di tutto: Higuain sbaglia un rigore e i biancocelesti dilagano. Non è solo una bella partita, è la girandola di emozioni più bella dell’anno.

INTER-FIORENTINA 1-4 27 SETTEMBRE 2015

La prima partita del nuovo campionato in classifica. L’Inter era reduce da una striscia positiva esaltante e ospitava la Fiorentina di Paulo Sousa. Sfida tra le due sorprese del campionato, che ancora oggi sono lì in vetta. I viola si regalano una delle serate più belle della propria storia recente: Ilicic realizza un rigore che vale il vantaggio, poi è lo show di Kalinic, autore di tre reti. Nel mezzo il gol di Icardi nella serata più brutta dell’Inter della nuova stagione.

GENOA-CHIEVO 3-2 18 OTTOBRE 2015

Più che per la spettacolarità della partita questa merita per le enormi emozioni. Il Chievo passa in vantaggio a Marassi al primo minuto, poi va sotto 2-1 grazie alle reti di Pavoletti e Gapke. A 13 minuti dal termine i clivensi pareggiano con un gol di Pellissier ma a tempo quasi scaduto è Tachtsidis a far impazzire Marassi. Letteralmente impazzire.

TORINO-GENOA 3-3 27 OTTOBRE 2015

L’esaltazione dei minuti di recupero nel gioco più bello del mondo. Torino e Genoa, un tempo gemellate e oggi rivali, giocano una partita bellissima in una serata infrasettimanale. Sono sul 2-2 all’ultimo minuto di gioco quando un’autorete di Tachtsidis regala al Toro il vantaggio e alla Maratona il boato di gioia. Ma non è finita: al quinto minuto di recupero c’è ancora Laxalt, per pareggiare.

Con l’augurio di vivere anche nel 2016 partite così belle. Con la certezza di aver disseminato qualche torto qua e là ad altre partite che avrebbero meritato di essere menzionate in classifica.