Home News Le 5 cose da sapere assolutamente sul Bayer Leverkusen

Le 5 cose da sapere assolutamente sul Bayer Leverkusen

1901
0
SHARE

Manca davvero poco all’ultimo turno dei preliminari di Champions, che consegnerà alla maggiore competizione europea le ultime 10 squadre che comporranno il “gruppone” delle 32 regine d’Europa. Tra queste, l’unica italiana impegnata è la Lazio, che affronterà i tedeschi del Bayer Leverkusen, con andata il 18 agosto all’Olimpico e ritorno il 26 agosto alla BayArena di Leverkusen. La squadra rossonera, presenta degli aneddoti molto particolari, ecco le 5 cose da sapere assolutamente sui tedeschi, scelte da Blog di Calcio.

#1 Le Aspirine

Questo è lo strano soprannome dedicato alla squadra tedesca. Qualcuno si chiede cosa centrino le aspirine con una squadra di calcio, ebbene proprietaria del Leverkusen, non è altro che la casa farmaceutica Bayer, famosa nel mondo proprio per aver lanciato sul mercato la famosa medicina per il raffreddore. Nel 1903, un impiegato della Bayer, Wilhelm Hauschild, scrisse una lettera alla dirigenza firmata da altri 170 colleghi, in cui chiedeva un supporto finanziario per fondare una società sportiva. E’ così che nel 1904 nasce il Turn-und Spielverein Bayer 04 Leverkusen. Il logo della casa farmaceutica, nonché dell’aspirina, è presente anche nello scudetto della società tedesca, che appare sulle maglie dei giocatori e non solo.

bayer-leverkusen-0

#2 Rudi Voller

Rudi Voller, ex giocatore, bandiera e allenatore della Roma, è il direttore sportivo del Bayer Leverkusen. Dopo aver giocato le ultime due stagioni della sua carriera con i tedeschi, segnando 28 goal in 68 apparizioni, Voller nel 1996 iniziò subito la sua carriera da direttore sportivo del Bayer, carica che mantenne fino al 30 giugno 2000, quando provò la strada da allenatore. Dopo alcuni risultati fallimentari, dal 18 gennaio 2005 è di nuovo il direttore sportivo del Bayer Leverkusen, con cui ha un contratto fino al 2017.

Vedi anche  Le 10 squadre che hanno guadagnato di più dalla partecipazione alla Champions League 2014-2015

rudi-voeller

#3 Neverkusen

Un altro soprannome attribuito alla squadra tedesca è quello di Neverkusen. Anche questo è legato alla storia del Bayer, ma in maniera negativa. Deriva dai risultati ottenuti nella stagione 2001/2002, quando i rossoneri persero la finale di Champions League, raggiunta per la prima volta nella loro storia, per 2-1 in finale contro il Real Madrid di Zidane. Tanto di cappello per i tedeschi, se non fosse che nel giro di poche settimane, le Aspirine persero anche il campionato nonostante i 5 punti di vantaggio a 4 giornate dal termine, e la coppa nazionale.

zidane-volea-leverkusen-150512

#4 Mai primi

Nella sua storia il Bayer Leverkusen non ha mai alzato il Meisterschale, il trofeo che si assegna alla squadra vincitrice della Bundesliga. Gli unici trofei nel palmares dei tedeschi sono una Coppa di Germania conquistata nel 1992-1993, e una Coppa Uefa vinta nella stagione 1987-1988. È attualmente l’unica squadra ad aver raggiunto una finale di Champions League senza aver mai vinto il titolo nazionale, e una delle quattro squadre (insieme a Real Saragozza, West Ham e Parma) ad aver vinto una coppa europea senza aver mai essere arrivata prima in campionato.

Uefa_Cup_Sieg_1988_22

#5 Due precedenti

Lazio e Bayer Leverkusen si sono già affrontate nella loro storia per due volte, entrambe nella stessa stagione. Nel 1999/2000 si incontrarono in Champions League nello stesso girone, dove sia in Germania, che a Roma, le due partite terminarono con il risultato di 1-1. Nella partita di andata a Leverkusen le reti furono di Neuville e Mihajlovic, in quella di ritorno invece Nedved e Kirsten firmarono il tabellino. La Lazio passò quel girone con il doppio dei punti dei tedeschi.

Vedi anche  Le medie spettatori dei principali campionati europei: domina la Bundesliga

1655494-35107815-2560-1440