Home A Le dieci cose belle della 10^ giornata di Serie A

Le dieci cose belle della 10^ giornata di Serie A

216
0
SHARE

#1 L’ATTACCO DELLA ROMA
Ancora una vittoria per la Roma, che supera l’Udinese e si conferma in testa alla classifica. Ma è l’attacco a stupire in modo particolare con 25 goal nelle prime 10 giornate. Non solo è il migliore attacco del campionato ma, nella loro storia, solo una volta i giallorossi hanno fatto meglio in Serie A, nel 1960/61. A trascinare la squadra di Garcia è uno strepitoso Gervinho. L’ivoriano, che in estate stava per essere ceduto, ha segnato cinque reti nelle ultime cinque partite ed adesso è diventato un elemento insostituibile .

#2 HIGUAIN
Per stessa ammissione dell’allenatore Sarri è il vero fenomeno della squadra napoletana. In effetti la vena realizzativa dell’argentino è veramente sorprendente e ha trascinato la squadra partenopea al secondo posto insidiando la Roma con la quale condivide il gioco rapido ed efficace ed un attacco esplosivo visto che, oltre ai due goal segnati ieri sera, ha colpito anche tre pali..

#3 ROSSI E MARQUEZ
Vittoria facile della Fiorentina: 2-0 sul campo di un Verona. I protagonisti della serata sono stati Marquez con una autorete al 24′ del primo tempo e Rossi con un assist per Kalinic al 12′ della ripresa. Una curiosa combinazione nella settimana delle polemiche di Sepang che ha visto altri due Rossi e Marquez protagonisti di altre vicende.

#4 MILAN CHE VINCE MA NON CONVINCE
Nel calcio l’importante e vincere e fare punti anche se non si gioca bene. E’ quello che ha fatto il Milan con il Chievo, che ha conquistato la seconda vittoria consecutiva dopo quella ottenuta contro il Sassuolo. Sinisa Mihajlovic può sorridere per avere subito zero goal e può preparare con più serenità la gara con la Lazio.

Vedi anche  5 calciatori italiani che stanno deludendo all'estero

#5 L’ESPULSIONE DI CHIELLINI
Dopo essere già stato ammonito una prima volta, Giorgio Chiellini, invidioso di quello che aveva fatto Felipe Melo il giorno prima, entra in maniera scomposta su Berardi meritando il secondo cartellino e l’espulsione. Chiellini non veniva espulso dal 2007. La cosa è ancora più incredibile se si considera che Chiellini è conosciuto come un difensore grintoso e duro ma è stato senza cartellini rossi per 8 anni.

#6 TORINO GENOA 3-3
Partita divertente ed emozionante fino alla fine quella disputata all’Olimpico di Torino. Laxalt, portato in Italia dall’Inter, aveva segnato solo 2 goal all’esordio con la maglia del Bologna. Dopo tre anni ritorna al goal, non accontentandosi di uno ma segnando una doppietta

#7 SAMMARCO
A dispetto della polemica innescata lo scorso anno dal presidente della Lazio Lotito, il Frosinone ed il Carpi anche senza giocatori di grido, offrono un calcio molto grintoso, appassionante e divertente per i loro tifosi. La dimostrazione di ciò è il goal di Sammarco al 93’ che regala la vittoria ai padroni di casa.

#8 SASSUOLO & ATALANTA
Sassuolo e Atalanta “ammazzagrandi” fanno fuori la Lazio e la Juventus e si posizionano in zona Europa League dimostrando, con il loro buon gioco, di non essere lì per caso. Il Sassuolo ha avuto un dominio totale, specie nel primo tempo, mentre l’Atalanta, sotto di una rete, ha avuto la forza di reagire e passare in vantaggio, portando poi a casa la vittoria.

#9 HANDANOVIC
Qualche volta criticato, come nella partita contro la Fiorentina, Samir Handanovic salva al 95’ il risultato su tiro ravvicinato di Destro con una parata d’istinto che vale i tre punti per la squadra di Mancini. Forse anche per questo l’annuncio del rinnovo del contratto sembra imminente.

Vedi anche  Le 5 sconfitte più umilianti della storia della Roma

#10 L’ESONERO DI ROSSI
“Soltanto pochi mesi fa ho contribuito ad una promozione in Serie A, ma purtroppo adesso sono stato condannato dai risultati. Ai ragazzi ho detto di portare a termine il lavoro”. Queste le parole del mister del Bologna, colpito dalla dura legge del calcio che, però, nonostante l’esonero non è polemico con la sua ex squadra, consapevole che in questo sport, in mancanza di risultati, il primo a pagare è l’allenatore.