Home Nostalgia Ma qualcosa ancora manca

Ma qualcosa ancora manca

222
0
SHARE

“Buon campionato a tutti” ve l’hanno già detto in tanti, in tutte le salse e in ogni modo possibile. Condito da frasi romantiche sul calcio, foto di palloni e attaccanti fortissimi pronti a spaccare tutto, e anche qualcosa che non riusciamo a spiegarci. L’emozione del campo, l’odore degli spalti, i tornelli che vanno a rilento, la sterile lotta tra Sky e Mediaset Premium, le immagini che rimbalzano, la prima polemica arbitrale e tutte quelle che seguiranno, i primi scempi, i gol più belli e i cartellini rossi per le entrate criminali. Vi è mancato tutto, lo sappiamo già. E l’excursus sul romanticismo del calcio finisce qui, almeno per noi. Ma cosa vi continuerà a mancare?

Vi mancheranno quei calciatori che hanno fatto sognare i ventenni di oggi, che a fine Agosto erano sempre con la stessa maglia. Totti no, magari non sarà titolare, ma ci sarà. Ma i vari Zanetti, Del Piero e Maldini, no. Vi mancheranno, come vi mancano ogni volta da qualche anno. Vi mancherà la prima giornata giocata dalla squadra campione d’Italia, ma non è poi così importante. Le conferenze stampa di Ranieri, Malesani e Delneri: qualche risata sogghignata, e un pizzico di folclore dove il calcio sembra essere diventato business. Sembra, appunto. A qualcuno mancherà la radiolina, ora che lo streaming ha definitivamente annientato l’abitudine di un’epoca calcistica e non solo. Ad altri la schedina del totocalcio, nell’era delle scommesse online. Gli interventi di Montero, i salti di Cordoba, gli occhiali di Davids, la freddezza di Sheva e qualche realtà qua e là scomparsa: il Lecce di Chevanton che si salva in extremis, la Reggina di Ciccio Cozza. E il Parma, che comincerà tra qualche settimana sui campi di provincia. Bentornata Serie A, c’eri mancata più di tutto.

Vedi anche  10 giocatori in scadenza di contratto che NON rinnoveranno la prossima stagione