Home A Serie A, la top 11 della 12^ giornata

Serie A, la top 11 della 12^ giornata

306
0
SHARE

Si è concluso con la vittoria di una sorprendente Fiorentina a Marassi contro la Sampdoria, la dodicesima giornata del campionato di Serie A. I viola a detta di molti giocano il calcio migliore del nostro campionato, e sono in vetta alla classifica insieme all’Inter, che con l’ennesima vittoria per 1-0 battono il Torino. Vittorie anche per la Roma nel derby capitolino e per il Napoli con il solito Higuain che risolve una partita complicata contro l’Udinese. Juventus in ripresa che vince anche ad Empoli in rimonta, continua invece la favola del Sassuolo che batte il Carpi e si lancia nelle zone alte della classifica. Ecco la top 11 della dodicesima giornata.

Handanovic (Inter – portiere)

Se l’Inter ha la migliore difesa del campionato, gran parte del merito va sicuramente a Samir Handanovic. Il portiere nerazzurro sembra insuperabile quest’anno. Strepitose le parate contro il Torino con cui conferma quanto di buono fatto vedere contro la Roma. Da segnalare comunque anche la grande prestazione del giovane Donnarumma, un muro invalicabile che ha salvato in molte occasioni la porta del Milan.

Astori (Fiorentina – difensore)

Un giocatore rinato, solo vecchio parente di quello visto lo scorso anno a Roma. La cura Paulo Sousa ha funzionato, ora Astori é di nuovo nel giro della Nazionale e le sue prestazioni sono sempre altamente sopra la sufficienza. Una sicurezza per la difesa viola, insieme a Rodriguez compone una delle coppie di centrali migliori del campiomato.

Masina (Bologna – difensore)

É sicuramente la sorpresa piú lieta in casa Bologna. Un treno sulla fascia sinistra, con cross sempre pericolosi e tanti inserimenti. Ottimo sia in fase difensiva che offensiva, é suo l’assist per Giaccherini che porta i rossoblu in vantaggio a Verona.

Diakitè (Frosinone – difensore)

Sembrava ormai essere destinato a diventare uno dei tanti passati per la nostra Serie A e mai sbocciati. Diakité invece a Frosinone gode finalmente della fiducia di tutto l’ambiente e soprattutto di Stellone e i risultati si vedono. Suo il goal che porta momentaneamente in vantaggio i gialloblu contro il Genova.

Giaccherini (Bologna – centrocampista)

É arrivato Donadoni e la stagione di Giaccherini e del Bologna ha preso un’altra piega. Ogni volta che prende palla crea qualcosa di pericoloso. Per lui é il secondo goal consecutivo in campionato, tra l’altro da cineteca.

Kondogbia (Inter – centrocampista)

L’Inter lo ha pagato tanto, le prestazioni all’inizio non sono state cosí convincenti, ma é giovane e bisogna aspettarlo. I risultati iniziano giá a vedersi, la sua prestazione contro il Torino é sicuramente sopra la sufficienza. É suo il goal che permette all’Inter di portare a casa tre punti contro il Torino e rimanere in testa alla classifica.

Lazovic (Genoa – centrocampista)

Finalmente Lazovic. L’esterno genoano non aveva ancora dimostrato il suo valore in questa stagione. Contro il Frosinone peró, sfodera una prestazione di alto livello. Decisivo in entrambi i goal, sia in quello di Pavoletti che in quello di Gakpe, con un doppio assist, toglie la scena per una volta a Perotti.

Gomez (Atalanta – centrocampista)

Ancora El Papu, l’anima della squadra bergamasca. Corre e lotta per tutta la partita, si inserisce ed é il piú pericoloso dei suoi. Prova ad impensierire piú volte il Milan ma sulla sua strada incontra un Donnarumma in grandissima condizione.

Dzeko (Roma – attaccante)

Se i campioni si vedono nelle partite piú importanti, allora Edin Dzeko ha scelto quella giusta. I suoi goal in campionato mancavano dalla seconda giornata, quando bucó la porta della Juventus. É suo il goal su calcio di rigore, tra l’altro da lui conquistato, che permette alla Roma di portarsi in vantaggio nel derby vinto per 2-0.

Higuain (Napoli – attaccante)

Quando c’é da risolvere una situazione complicata ci pensa sempre lui. Gonzalo Higuain, centravanti completo, é senza ombra di dubbio l’attaccante piú forte e in forma del nostro campionato. Suo il goal con cui il Napoli liquida la causa Udinese e porta a casa tre punti importantissimi.

Gervinho (Roma – attaccante)

Da esubero, e col piede giá su un aereo a uomo della svolta. Gervinho é tornato quello devastante e infermabile di due annate fa. Un giocatore ritrovato su cui Garcia ha sempre puntato forte. Ieri ha dato costantemente fastidio alla difesa della Lazio, creando costantemente pericoli e segnando il goal del 2-0 che ha chiuso la pratica derby.