Home B Serie B, la Top 11 della 18^ giornata

Serie B, la Top 11 della 18^ giornata

453
0
SHARE

PORTIERI

Ricci (Livorno): Sfodera una prova importante contro la corazzata Cagliari. Si riscatta dopo il gol preso da Farias dopo soli tre minuti, evitando ai suoi un passivo peggiore.

DIFENSORI

Sabelli (Bari): Da favola la gran botta dalla distanza con cui trafigge Rosati, esperto portiere del Perugia. Consegna ai suoi una vittoria fondamentale per restare agganciati alla vetta. L’ex under 21 appare in crescita.

Di Cesare (Bari): Decisivo per il Bari, i suoi interventi stroncano sul nascere le poche occasioni da gol create dagli umbri. Si sentiva la sua assenza, è ancora uno dei migliori.

Salamon (Cagliari): Il sardo sfodera una buona prestazione. Nonostante il pari a Livorno, fa buona guardia ed ha ulteriori margini di miglioramento.

CENTROCAMPISTI

Pestrin (Salernitana): Leader, Capitano e Mattatore della sua Salernitana. L’Ascoli di Mangia è rispedito a casa proprio grazie al suo gol che vale l’1-0.

Viola (Novara): Una delle note più felici di questo Novara schiacciasassi, che sembra non conoscere altri risultati al di fuori della vittoria. Suo l’assist per il secondo gol di Evacuo. Decisivo e dotato di grande temperamento in mezzo al campo.

Memushaj (Pescara): E’ da considerarsi un big del torneo cadetto. Mai una sbavatura, movimenti perfetti e coordinati, l’albanese firma inoltre il gol del vantaggio contro la temibile Virtus Entella.

Arini (Avellino): Se c’è un giocatore che tra gli irpini mette grande cuore, oltre ai soliti noti, quello corrisponde al nome di Mariano Arini. E’ lui di giustezza a ridare corpo, voce e grinta ai padroni di casa, momentaneamente sotto di due reti contro il Lanciano.

ATTACCANTI

Budimir (Crotone): Ancora in gol, ancora una volta maledettamente decisivo per questo Crotone. Vittoria sofferta, ma meritata per la considerevole mole di occasioni prodotta. Settimo sigillo, in cui il croat ex St. Pauli si fa beffe della retroguardia modenese, penalizzata dalla mancanza di Cionek (espulso).

Evacuo (Novara): Ai più la sua presenza anche nel campionato cadetto aveva fatto storcere il naso a qualcuno, venendo considerato ottimo per la Lega Pro ma nulla più. La sua ultima stagione in B (nel 2007/08 a Frosinone, 13 reti in 40 gare) era peraltro distante negli anni. Ma con la doppietta messa a segno contro il Trapani, Evacuo ha dimostrato di poter dire la sua anche in un campionato ostico come quello della Serie B. Servirà anche il suo apporto per sognare in grande.

Castaldo (Avellino): Non avrebbe potuto chiedere un ritorno migliore, Gigi. Il suo è il tiro, o meglio, il gol della disperazione. Che va a completare una rimonta pazzesca per l’Avellino. Una conclusione che sa di rabbia ed orgoglio allo stesso tempo, tre mesi fuori dal campo hanno inevitabilmente caricato di adrenalina il centravanti napoletano. E chissà che per i bianco verdi non possa iniziare un altro campionato…