Home B Serie B, la Top 11 della 4^ giornata

Serie B, la Top 11 della 4^ giornata

235
0
SHARE

Volge al termine la 4^giornata del campionato di Serie B, disputatasi nel turno infrasettimanale di martedi scorso. Tante certezze e qualche sorpresa: se da una parte è possibile registrare le vittorie di Cagliari (in rimonta 1-3 sull’Entella), Cesena (vittorioso nel sentito derby col Modena) e del solito Livorno, da una parte ci sono anche il primo successo del Brescia (2-0 sulla Pro Vercelli) ed il roboante 4-1 del Crotone sul più quotato Bari. Un campionato dove a regnare è l’imprevedibilità.

Questa, di seguito, la Top 11 dell’ultima giornata secondo blogdicalcio.it

Portieri

Fiorillo (Pescara): palma di miglior portiere per la seconda volta consecutiva. Anche stavolta le sue prodezze su Troianiello ed Eusepi salvano gli abruzzesi da quella che sarebbe stata una pesante debacle. Finisce, invece, solo pari.

Difensori

Dellafiore (Latina): se l’Ascoli sbatte contro un muro e si becca la sua terza sconfitta in campionato dopo 4 giornate, gran parte del merito è soprattutto suo. Solido e roccioso.

Perico (Cesena): autore di un’ottima prova, è anche il giustiziere del Modena, risultando decisivo per l’esito del derby. Un colpo di testa che vale oro.

Calabresi (Livorno): era partito male, come il resto della squadra, sotto di un gol alla fine del primo tempo contro la Ternana. Si rifarà nella ripresa, concedendo poco o nulla. Una delle più felici rivelazioni dei toscani in questo inizio di campionato.

Centrocampisti

Morosini (Brescia): tra i migliori del Brescia, è l’autore del primo gol delle rondinelle. Significativo perchè spiana la strada alla prima vittoria in campionato. Giganteggia sulla metà campo al cospetto di una Pro Vercelli tutt’altro che irresistibile.

Vedi anche  Serie B, la Top 11 della 7^ giornata

Stoian (Crotone): Il rumeno, prima della gara col Crotone, era ancora disperatamente alla ricerca di una propria
identità. Ma lo stupendo gol messo a segno verso il 20’ del primo tempo, lo rivitalizza in pieno: prova gagliarda, come tutto l’undici calabrese. Guarna non può che guardare il pallone insaccarsi alla sua sinistra, bella parabola da fuori area.

Brezovec (Spezia): altra prova maiuscola del croato, sempre più certezza di questo Spezia e di questo torneo. Gol capolavoro al Perugia, prestazione sulla falsa riga di quella di Salerno.

Arini (Avellino): tanta qualità e sostanza a centrocampo per gli irpini, nonostante la sconfitta e contro un Cagliari da fuoriserie.

Attaccanti

Gabionetta (Salernitana): Sei in inferiorità numerica o in evidente difficoltà di uomini e di idee? Nessun problema se ti chiami Salernitana e, soprattutto, Denilson Gabionetta: il suo gol permette ai campani di strappare un pareggio insperato. Punto pesante contro una squadra di caratura superiore come il Pescara.

Tounkara (Crotone): anche e soprattutto per merito di un Bari mal disposto in campo, l’ex primavera della Lazio sfoggia una prestazione da incorniciare. Suo il gol che permette ai pitagorici di passare in vantaggio dopo solo un minuto. Per il resto belle giocate e tanta corsa. Utile.

Farias (Cagliari): L’uomo della provvidenza per il Cagliari. E’ lui, con una doppietta, a decidere la delicata sfida contro l’Avellino. Non è mai facile mettersi in luce quando sei l’alternativa a Sau, ma l’ex Padova contro i bianco verdi ha sfruttato al meglio le sue chances. E i sardi posso dormire sonni tranquilli.