Home A Affari sfumati – 10 trattative fallite clamorosamente nel mercato di gennaio

Affari sfumati – 10 trattative fallite clamorosamente nel mercato di gennaio

1508
0
SHARE

L’ultimo caso riguarda il Milan e il suo attaccante Luiz Adriano: sembrava tutto fatto per un suo trasferimento in Cina, al Jiangsu, e invece, appena prima della firma del contratto, è saltato tutto. Gennaio è il mese degli affari mancati, sfumati all’ultimo minuto per le cause più disparate. Il mese delle foto di rito, dei sorrisi e delle cene, andate immancabilmente a finire nell’album dei ricordi delle occasioni perse. La redazione di Blog di Calcio ha quindi selezionato dieci trattative clamorosamente fallite nel calciomercato invernale delle ultime stagioni.

1. Kakà – Manchester City (gennaio 2009)

Il 19 gennaio 2009 è una data che i tifosi rossoneri ricordano ancora oggi: Kakà rifiuta l’offerta milionaria del Manchester City per restare in rossonero. Il Milan, che ha dato facoltà di libera scelta al suo pallone d’oro, non incassa gli oltre 100 milioni offerti per il suo cartellino. Nell’estate dello stesso anno, tuttavia, il fuoriclasse brasiliano si trasferirà al Real Madrid.

2. Tevez – Milan (gennaio 2012)

Il mancato passaggio di Tevez al Milan nel gennaio 2012 è l’immagine stessa del fallimento del mercato rossonero delle ultime stagioni. Galliani mette infatti a segno il colpo dell’anno (e degli anni avvenire) convincendo il campione argentino a vestire la maglia del Diavolo. L’improvvido intervento di Berlusconi fa saltare la trattativa, nonostante cena di rito e foto tra l’ad rossonero, l’attaccante e il suo agente.

3. Pato – PSG (gennaio 2012)

L’affare Tevez si incastra alla perfezione con il trasferimento di Pato al PSG per una cifra superiore ai 30 milioni di euro, comprensivi di bonus. Anche in questo caso è un Berlusconi a mettersi di traverso rispetto al buon esito dell’affare. Si tratta di Barbara, che si schiera -più o meno apertamente- in favore della permanenza in rossonero dell’attaccante brasiliano.

4. Stekelenburg – Fulham (gennaio 2013)

Il 31 gennaio 2013 salta il suo trasferimento al Fulham. Stekelenburg atterra a Londra, ma subito dopo è costretto a fare dietrofront: la Roma, infatti, non si priva del suo portiere a causa del mancato accordo con la Fiorentina per Viviano e, di conseguenza, rimanda l’affare. Il calciatore olandese verrà quindi ceduto ai Cottagers solo l’estate seguente.

5. F.Anderson – Lazio (gennaio 2013)

Il ds Tare, nel gennaio 2013, prova fino all’ultimo momento a chiudere la trattativa per F. Anderson. Il mancato accordo tra il Santos e il fondo che detiene parte del cartellino del trequartista brasiliano determina il fallimento di questa operazione di mercato che, in ogni caso, sarà portata a termine nell’estate successiva.

6. Poli – Juventus (gennaio 2013)

L’intesa tra le due parti sembra cosa fatta, se non che a far saltare la trattativa ci pensano i tempi troppi ristretti del calciomercato invernale. Il centrocampista, in quel momento di proprietà della Sampdoria, si promette comunque alla Juventus, ma nella stagione successiva vestirà rossonero.

7. Vucinic/Guarin – Inter/Juventus (gennaio 2014)

Uno scambio tra i più discussi del mercato di gennaio. I tifosi nerazzurri, insieme ad una parte della dirigenza interista, si oppongono all’accordo, che salta definitivamente a causa di una mancata intesa di natura economica. L’intera faccenda irrita non poco la Juventus: nella risposta dei bianconeri sulla mancata conclusione dell’affare si sottolinea come era stata la stessa dirigenza dell’Inter a proporre Guarin in cambio dell’attaccante montenegrino. Nonostante le polemiche, entrambi i giocatori concluderanno al meglio la propria stagione nei rispettivi club di appartenenza.

8. Berghessio – Lazio (gennaio 2015)

L’interesse della Lazio, nell’inverno dello scorso anno, per l’attaccante ex-Sampdoria è la diretta conseguenza del lungo infortunio di Djordjevic. La trattativa non va a buon fine per il rifiuto di Ederson (calciatore inserito a sua volta nell’affare) a trasferirsi in blucerchiato.

9. Baselli – Milan (gennaio 2015)

Colpo last-minute dello scorso mercato di riparazione, fallito da Galliani. Il presunto accordo per il cartellino di Baselli non si è mai rivelato vincolante per l’Atalanta che, in estate, ha deciso di vendere il giovane centrocampista al Torino, per quasi cinque milioni di euro.

10. Luiz Adriano – Jiangsu (gennaio 2016)

Ultimo in ordine di tempo ma perfettamente conforme allo standard degli affari sfumati del calciomercato invernale. Luiz Adriano ha posato con la sciarpa dello Jiangsu e un sorriso a 32 denti solo pochi giorni fa, poi ha fatto ritorno a Milano. Quale sarà il suo futuro?