Home A Serie A, la top 11 della 8^ giornata

Serie A, la top 11 della 8^ giornata

316
0
SHARE

Con il derby d’Italia tra Inter e Juventus, terminato 0-0, si é conclusa l’ottava giornata di Serie A. Il Napoli ha vinto il big match contro la Fiorentina grazie ad uno strepitoso Higuain, lanciandosi verso le parti alte della classifica. Il Milan di Mihajlovic ottiene un buon pareggio a Torino, mentre il Sassuolo ha battuto la Lazio, portandosi incredibilmente a quota 15 punti. Vincono anche Roma, Genoa, Frosinone e Atalanta, facendo valere il fattore casa. Ecco i migliori undici di giornata scelti da Blog di Calcio

Sorrentino (Palermo – portiere)

Se il Palermo é finalmente ritornato alla vittoria, anche se faticando, il merito é anche e soprattutto suo. Strepitoso piú volte nel salvare la porta dei siciliani contro il Bologna. Strepitosa la parata sul tiro dal limite dell’area Rizzo, che con la punta delle dita respinge in calcio d’angolo.

Barzagli (Juventus – difensore)

Schierato in un ruolo atipico per lui, sulla fascia destra. Mette in campo peró tutta la sua esperienza, e nonostante l’etá che avanza, si dimostra ancora uno dei migliori difensori del nostro campionato. Qualche volta prova a spingersi anche in avanti, certo non é Lichtsteiner, ma la sua saggezza tattica e la sua autorevolezza danno sicurezza a tutto il reparto.

Astori (Fiorentina – difensore)

La scorsa stagione alla Roma é soltanto un brutto ricordo. Davide Astori é tornato sui suoi livelli alla Fiorentina, e ora si candida ad essere un’arma in piú nello scacchiere di Conte. I viola hanno perso dignitosamente a Napoli, ma lui ha sfoderato ancora un’ottima prestazione, entrando di diritto nella top 11 di giornata.

Toloi (Atalanta – difensore)

Vedi anche  Calciomercato: 15 giocatori tesserabili a costo zero

Chiusure precise e gara senza sbavature. Rafael Toloi è arrivato all’Atalanta in punta di piedi ed ha già conquistato tutti. L’Atalanta di Reja sta volando, e il merito è anche e soprattutto di una difesa solida e compatta.

Pjanic (Roma – centrocampista)

La Roma sembra arrancare durante la partita, poi arriva lui, si aggiusta il pallone e segna l’ennesima punizione della sua carriera. Un giocatore eccezionale, indispensabile per il centrocampo di Garcia. Ancora una grande prova del centrocampista giallorosso, che pennella poi anche l’assist per il gol di De Rossi alla 500esima presenza.

Baselli (Torino – centrocampista)

Le regine d’Europa e non solo si staranno mangiando le mani. All’Atalanta doveva ancora esplodere ma le qualitá giá si vedevano. Al Torino invece, ha una marcia in piú degli altri. Suo il goal che permette al Torino di pareggiare contro il Milan, il quarto stagionale. I tifosi granata si godono il loro nuovo gioiello, e portarglielo via non sará di certo facile.

Gomez (Atalanta – centrocampista)

Segna un goal alla Mihajlovic, direttamente da calcio d’angolo che vale il raddoppio dell’Atalanta contro il Carpi. Imprendibile sulla fascia, con Pinilla si intende a meraviglia. I tifosi bergamaschi lo hanno aspettato per un anno, lui ha ripagato facendo dimenticare Bonaventura. Il Papu é tornato.

Tachtsidis (Genoa – centrocampista)

Gli ultimi anni non sono stati di certo facili per lui. Piú espulsioni che cose belle fatte vedere. Quest’anno da Verona é tornato a Genova, e la stagione sembrava iniziata allo stesso modo. Ieri peró, potrebbe aver dato una svolta. É suo il goal che fa esplodere il Marassi al 94esimo, e che permette al Genoa in extremis di battere il Chievo Verona. Ora sta a lui tornare quello di qualche anno fa.

Vedi anche  "Ti stupreremo tua figlia": coro vergognoso contro un presidente in Lega Pro

Higuain (Napoli – attaccante)

É sempre lui. Higuain é tornato e ora insieme al suo Napoli sembra intenzionato a non fermarsi piú. Altro goal per il Pipita che stende la Fiorentina, alla fine di una grande triangolazione con Mertens. É lui l’uomo in piú del Napoli di Sarri, un giocatore ritrovato e che tanto é mancato al Napoli lo scorso anno.

Berardi (Sassuolo – attaccante)

Conte lo aveva chiamato in Nazionale, lui é dovuto tornare a casa per infortunio, ma contro la Lazio voleva essere in campo a tutti i costi. Era l’uomo piú atteso per questa partita, e lui non ha deluso, segnando su un rigore dubbio, la rete del momentaneo 1-0 del Sassuolo. Si danna e corre per tutta la partita, ma non riesce a siglare una doppietta per poco. Poco importa, perché grazie alla sua prestazione il Sassuolo porta a casa 3 punti importantissimi.

Paganini (Frosinone – attaccante)

La sorpresa di questa ottava giornata si chiama Luca Paganini. Classe 93′, cresciuto nelle giovanili della Roma, è stato l’uomo partita di Frosinone-Sampdoria. La seconda vittoria dei canarini porta la sua firma, un goal, il primo in Serie A, e una prestazione da incorniciare. Sicuramente questo match Paganini non lo dimenticherà facilmente.