Home News I 5 terzini sotto i 25 anni migliori della Serie A

I 5 terzini sotto i 25 anni migliori della Serie A

2000
0
SHARE

Il ruolo del terzino, destro o sinistro che sia, ha subito un’involuzione negli ultimi anni che ne ha rivoluzionato la natura. Se prima il terzino, non era altro che un difensore che giocava sulla linea laterale di difesa, affiancando spesso i due centrali, adesso per essere ottimi giocatori in questo ruolo, bisogna avere tutto. Capacità difensive, di corsa, di spinta in avanti, di inserimento e di cross, e spesso ci scappa anche qualche goal. Colpa, o merito, dell’involuzione della tattica, il terzino è diventato un ruolo mistico, fondamentale per sorprendere le difese avversarie, spesso l’arma vincente di una partita. Blog di Calcio ha voluto individuare i 5 migliori terzini del nostro campionato, nati a partire dal 1990.

Hysaj

Nato in Albania il 20 febbraio del 1994, Hisaj è un terzino destro che però può giocare anche a sinistra. E’ considerato da tutti come uno dei migliori del nostro campionato nel suo ruolo, nonostante la sua giovane età. Ha esordito in Serie A lo scorso anno, ad Empoli, dove sotto la guida di Sarri con cui ha collezionato ben 36 presenze. Il tecnico campano stima tantissimo il terzino albanese, tant’è che ha voluto portarlo con sé nella sua nuova avventura al Napoli, che per averlo ha dovuto sborsare una cifra importante intorno ai 5 milioni.

Foto LaPresse
Foto LaPresse
Zappacosta

Nato a Sora, l’11 giugno del 1992, Davide Zappacosta è stato acquistato in questa sessione di mercato dal Torino, insieme al compagno di squadra Baselli. Un investimento importante perché Zappacosta può giocare sia a destra che a sinistra, e quindi molto probabilmente avrà il compito di sostituire il partente Darmian, approdato al Manchester United. Dopo esser cresciuto nel vivaio dell’Atalanta, i bergamaschi lo hanno fatto crescere, prima all’Isola Liri, poi ad Avellino. La scorsa stagione invece, è stata quello dell’esplosione. Ritornato a Bergamo infatti, il terzino è diventato titolare inamovibile prima con Colantuono e poi con Reja, contribuendo pesantemente con 29 presenze e 3 reti alla conquista della salvezza atalantina.

Vedi anche  Turchia: Dursun mostra il cartellino rosso all'arbitro (VIDEO)

sondaggio-on-line-su-atalanta-chievovince-moralez-su-zappacosta-per-2-voti_d742b1f8-9a97-11e4-ae36-e9f4e53150cf_998_397_big_story_detail

Vrsaljko

Nato a Zara, in Croazia, il 10 gennaio del 1992, Šime Vrsaljko è uno dei terzini più promettenti del nostro campionato. Arrivato a Genova dalla Dinamo Zagabria per la bellezza di 4 milioni di euro nell’estate del 2013, il croato ha impressionato fin da subito per la sua intelligenza tattica, per la sua duttilità e per la facilità di arrivare al cross. Gasperini lo ha impiegato sia come terzino che come esterno di centrocampo e i risultati sono stati più che ottimi. L’ultima stagione l’ha vissuta a Sassuolo, dove si è riconfermato per le doti già mostrate, e dove ha attirato le attenzioni di club importanti, tra cui il Napoli, che per ora è in vantaggio per aggiudicarselo.

sime-vrsaljko_1nasg2159yydp11r8wp8smu3dt

Widmer

Altra grande scoperta da parte dello staff dell’Udinese, Silvan Widmer è nato ad Aarau, in Svizzera, il 5 marzo del 1993. I bianconeri lo hanno acquistato nel 2012 dalla squadra della sua città natale, salvo lasciarlo un’altra stagione in Svizzera. Nel 2013 invece, sbarca finalmente in Friuli, e dopo una stagione di ambientamento dove colleziona 16 presenze in campionato, nell’ultimo anno è diventato il titolare inamovibile della squadra guidata da Stramaccioni, e ora da Colantuono. Sono 36 le presenze e 2 le reti siglate dallo svizzero in questa stagione. Anche lui può giocare sia come esterno di difesa che come esterno di attacco. Dotato di un ottimo colpo di testa e di un grande senso della posizione in campo.

i-nuovi-stranieri-della-serie-a-silvan-widmer-udinese_1_big

Gagliolo

E’ sicuramente il meno conosciuto dei 5 prescelti. Al contrario degli altri non ha mai giocato in Serie A, e lo farà per la prima volta tra pochi giorni. Riccardo Gagliolo è nato ad Imperia, il 28 aprile del 1990, e il suo cartellino è di proprietà del Carpi, società di cui veste la maglia da 3 anni, e con la quale ha conquistato una doppia promozione. In due anni di Serie B, Gagliolo ha disputato la bellezza di 70 partite segnando 8 reti. Terzino sinistro, all’occorrenza può giocare anche come difensore centrale, è stato anche inserito nella top 15 dei migliori difensori della Serie B.

Vedi anche  Fantacalcio 2015-2016: le alternative ai top player

maxresdefault