Home A La Top 11 degli ex di Juventus-Milan

La Top 11 degli ex di Juventus-Milan

383
0
SHARE

Juventus-Milan è da sempre uno degli incontri più affascinanti ed importanti del nostro calcio. La sfida che andrà in scena questa sera allo Juventus Stadium rappresenta, infatti, il meglio che il football nazionale ed internazionale possa testimoniare, nonostante l’attuale posizione in classifica delle due squadre evidenzi, almeno per il momento, il contrario. Sono tante le storie di campioni che si sono intrecciate negli accesi confronti tra i due club. Fuoriclasse, palloni d’oro e uomini vincenti: da Platini a Van Basten, da Zidane a Kakà, da Del Piero a Shevchenko, la lista potrebbe essere smisurata. Tuttavia, non sono moltissimi i calciatori che hanno avuto il privilegio di vestire ambedue le maglie, quella del Diavolo da una parte, e della squadra più amata -ed odiata- d’Italia, dall’altra. Ecco un’ipotetica formazione di juventini e milanisti, undici giocatori che dividono idealmente la propria passione tra il bianconero e il rossonero, avendone indossato tutt’e due i colori.

1. Abbiati (portiere)

Nel Milan dal 1998 al 2005 e poi nuovamente in rossonero dal 2008 fino alla stagione in corso. Si trasferisce alla Juventus nel 2005-2006. Una sorta di risarcimento morale del club di via Aldo Rossi nei confronti della Vecchia Signora, a seguito di un infortunio di Buffon a pochi giorni dall’inizio del campionato. Ironia della sorte, Abbiati vince in bianconero anche uno scudetto (poi revocato), disputando un’ottima annata.

2. Zambrotta (difensore)

Vincente con ambedue le casacche. Nella Juventus del secondo Lippi e di Capello, dal 1999 al 2006, conquista quattro scudetti sul campo, il titolo di Campione del Mondo con la Nazionale Italiana e si impone a livello internazionale come un terzino sinistro di assoluto valore. Nel Milan, dal 2008 al 2012, vince un altro scudetto, chiudendo così in rossonero la sua bella carriera.

3. Legrottaglie (difensore)

Prelevato dal Chievo, disputa con la Juventus due stagioni non particolarmente esaltanti, dal 2003 al 2005. Nuovamente in bianconero dal 2006 fino al 2011, passa al Milan nel gennaio dello stesso anno, disputando una sola presenza. Legrottaglie abbandona quindi i colori rossoneri l’estate successiva, per chiudere la propria carriera a Catania.

4. Vierchowod (difensore)

Una vita in blucerchiato con la Sampdoria -con cui vince uno storico scudetto-, poi la Juventus nella stagione 1995-1996. L’anno successivo gioca anche nel Milan. Difensore centrale ‘vecchio stampo’, Vierchowod è considerato un’icona del calcio italiano degli anni ’80 -’90.

5. Vieira (centrocampista)

Sbarca giovanissimo a Milanello, nel lontano 1995, ma nessuno lo capisce. Poi si afferma come uno dei migliori centrocampisti d’Europa. La Juventus lo acquista dall’Arsenal nel 2005, mettendo a segno uno dei colpi più significativi di quella sessione di calciomercato. In bianconero vince lo scudetto del 2006 e subito dopo abbandona la squadra in seguito allo scandalo ‘Calciopoli’, trasferendosi in estate all’Inter.

6. Emerson (centrocampista)

Il ‘Puma’ fa parte di quella fortissima Juventus di Capello, finita nella bufera a causa di ‘Calciopoli’. Acquistato dalla Roma nell’estate del 2004, i bianconeri sono costretti a dirgli addio già nel 2006. Emerson veste anche la maglia del Milan -dal 2007 al 2009-, ma in rossonero, vuoi per l’età avanzata vuoi per le sue precarie condizioni fisiche, non lascia un segno tangibile.

7. Pirlo (centrocampista)

Il Milan costruisce sulle sue geometrie i successi del nuovo millennio. Pirlo, ex trequartista spostato nel cuore del centrocampo ‘ancelottiano’, ricama gioco, assist, gol e successi. Trionfi che includono due Champions League, due Scudetti e il Mondiale con la Nazionale Italiana. Nel 2012, molti a Milanello lo considerano finito o quasi e lo lasciano andare agli storici rivali. Il ‘Maestro’, per tutta risposta, soffia uno scudetto ai suoi ex compagni di squadra, vincendone poi altri tre di fila. È l’ex che ha collezionato più trofei con le maglie dei due club.

8. Davids (centrocampista)

La sua storia è simile a quella di Viera, almeno per quanto riguarda la sponda milanista. Davids viene erroneamente ‘scartato’ dai rossoneri dopo essere stato acquistato nel 1996 dall’Ajax. L’anno successivo il ‘Pitbull’ inizia a riscattarsi con la maglia della Juventus. Gioca, dal 1997 al 2004, diversi campionati esaltanti con i bianconeri.

9. Inzaghi (attaccante)

Alla Juve dal 1997 al 2001, al Milan dal 2001 al 2012. Inzaghi segna e vince tantissimo con i colori dei due club. Campionati, Champions, Supercoppe e un Mondiale per club, che si aggiungono al titolo più prestigioso di Germania 2006 con la Nazionale Italiana. ‘SuperPippo’ chiude la sua brillante carriera di calciatore da milanista, mentre non ha ancora trovato altrettanta fortuna come allenatore.

10. Baggio (attaccante)

La Juventus lo acquista dagli storici rivali della Fiorentina nell’estate del 1990, insieme a tutta l’indignazione dei tifosi viola per il ‘tradimento’ del loro idolo. Con la maglia della Vecchia Signora, però, Baggio si afferma a livello mondiale, vincendo il pallone d’oro nel 1993. Con il Milan, invece, disputa appena due stagioni, dal 1995 al 1997, con più ombre che luci.

11. Ibrahimovic (attaccante)

È Moggi a portarlo in Italia alla corte degli Agnelli nel lontano 2004. Si impone all’attenzione del mondo del calcio proprio negli anni in bianconero, durante i quali vince due scudetti, successivamente revocati. Dopo gli anni in nerazzurro e una parentesi al Barcellona, Ibrahimovic veste anche i colori del Milan. Vince un altro campionato italiano, ma neanche il rossonero riesce a sfatare il suo personale tabù Champions.