Home A Top 11 dei nuovi acquisti della Serie A dopo 7 giornate

Top 11 dei nuovi acquisti della Serie A dopo 7 giornate

613
0
SHARE
Foto La Stampa

La pausa di Ottobre segna, almeno dal punto di vista ideale, la fine del primissimo inizio di stagione. Gli equilibri del campionato, sebbene non possano essere considerati definitivi, sono stati delineati dal passaggio di ben sette turni e, di conseguenza, risultano già indicativi di quelli che sono i reali valori in gioco. La classifica della Serie A appare poi altrettanto rappresentativa dei club che si sono mossi meglio durante l’ultima sessione estiva del calciomercato: benissimo la Fiorentina, molto bene Inter e Roma, male il Milan e in netta ripresa Napoli, Lazio e Juventus. Tra quelli che, a nostro parere, sono gli affari migliori, non mancano i nomi di alcuni giocatori di squadre cosiddette provinciali, protagoniste di un ottimo torneo. Ecco quindi la formazione ideale dei nuovi acquisti della Serie A.

Szczesny (Roma – portiere)

Alcuni colleghi di reparto stanno probabilmente disputando un campionato migliore del suo, ma la Roma ha fatto sicuramente un buon affare ad acquistarlo per sopperire alle carenze nel ruolo della scorsa stagione. Decisivo nelle primissime giornate, ha avuto un comprensibile calo dopo l’infortunio.

Digne (Roma – difensore)

Prelevato dal PSG con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto, si sta rivelando davvero un ottimo acquisto. Una buona tecnica insieme alla diligenza tattica ne fanno un difensore di assoluta affidabilità.

Murillo (Inter – difensore)

L’Inter ha ritrovato una nuova solidità difensiva anche grazie a lui. Se si esclude, infatti, la partita con la Fiorentina, dove peraltro Murillo era assente, i nerazzurri hanno subito pochissime reti.

Astori (Fiorentina – difensore)

Si è inserito subito bene nei meccanismi di squadra di Paulo Sousa. Rappresenta una sicurezza, con Tomovic e Gonzalo Rodriguez, nella difesa meno battuta della Serie A. Eppure, in estate, Astori era stato scartato sia dalla Roma che dal Napoli. La Fiorentina ringrazia.

Vedi anche  Cuore Biabiany: uomo gol e trascinatore

Blaszczykowsky (Fiorentina – centrocampista)

Arriva l’ultimo giorno di mercato in prestito gratuito, dopo aver vissuto le ultime due stagioni con tanti guai fisici al Borussia Dortmund. Anche “Kuba” però sembra rigenerato dalla cura viola: corre velocissimo sulla fascia ed è sempre pericoloso con i suoi inserimenti. È sicuramente l’ennesimo affare messo a segno dalla Fiorentina negli ultimi anni.

Allan (Napoli – centrocampista)

Dovrebbe essere, almeno in teoria, il centrocampista di quantità e fatica del Napoli. Diventa, invece, un giocatore decisivo in zona gol, perché alla corsa abbina tanta qualità. Allan è “il giocatore chiave” dell’undici di Sarri.

Baselli (Torino – centrocampista)

Prima dell’infortunio ha mostrato quelle che sono le sue caratteristiche migliori: il tiro dalla distanza e l’ottima tecnica in mezzo al campo. Ventura dovrà fare a meno di lui ancora per un po’, ma il Torino ha fatto sicuramente un ottimo affare ad acquistarlo per quasi cinque milioni. Oggi vale molto di più.

Saponara (Empoli – centrocampista)

Uno dei trequartisti migliori di tutta la Serie A. Galliani e il Milan sono stati davvero poco lungimiranti a rispedirlo ad Empoli, perché Saponara c’ha messo pochissimo a farsi rimpiangere. Anche in questo caso, il valore di mercato di questo calciatore è più che raddoppiato.

Salah (Roma – attaccante)

In estate è stato conteso da Roma, Fiorentina, Inter e non solo. Alla fine l’hanno spuntata i giallorossi, battendo un’agguerrita concorrenza, che si giustifica per il grande valore che questo giocatore sta mostrando in campo.

Jovetic (Inter – attaccante)

Un ottimo investimento se darà continuità di presenze sui campi da gioco. Gli infortuni sono stati da sempre il tallone d’Achille di Jovetic. Il suo talento, invece, è indiscutibile.

Vedi anche  Il diario del Grand Tour del Fiffa – Parte 3: la tappa a Milano

Kalinic (Fiorentina – attaccante)

È una sorpresa, esattamente come il primo posto della Fiorentina. In estate eravamo tutti intenti a tessere le lodi di Dzeko, Manzukic e Bacca. Oggi, invece, si parla tanto di Kalinic: la punta croata sta facendo benissimo in Serie A.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here