Home A Generazione Niang: la linea verde del Milan

Generazione Niang: la linea verde del Milan

212
0
SHARE
Foto TuttoSport

Il Milan che ha strapazzato la Sampdoria nell’anticipo della 14esima giornata di Serie A detta la linea ai prossimi (eventuali) successi rossoneri: dare spazio e fiducia ai giovani. A cominciare dal tecnico: Mihajlovic ha 46 anni, ha un concetto di calcio imparato in giro per la provincia italiana che conta (tra Firenze e la Genova blucerchiata), e raccoglie i primi frutti di un lavoro sicuramente non agevole. Tra gli undici titolari che hanno giocato contro la Samp soltanto Alex e Montolivo hanno più di 30 anni, gli altri sono tutti sotto la soglia dei 30, tra cui spicca l’eterno giovane Niang, classe ’94. Niang è il simbolo di questo Milan: sembrava aver fallito, ma non era ancora il momento. Ha avuto pazienza, ha continuato a lavorare e ora vuole prendersi la propria rivincita. Vuole conquistare le luci della ribalta, a casa Milan, in Italia e magari – prima o poi – anche nell’Europa che conta.

Dire generazione Donnarumma forse sarebbe eccessivo: il calciatore classe ’99 è un’esasperazione del concetto di giovane del calcio, ma è pronto, e merita il posto. E allora vale come eccezione. Ma l’ossatura del Milan del futuro si fonda su quei ragazzini terribili degli anni ’90, da Calabria a De Sciglio, passando per Romagnoli, Ely, Bertolacci e Niang. Senza dimenticare Balotelli, che con una serie di Balotellate alle spalle ha ancora 25 anni e tanta voglia di rivalsa. Questo Milan non è pronto alla corsa allo scudetto, e dovrebbe essere evidente aldilà di vittorie emozionanti che ingigantiscono, probabilmente, il reale valore della squadra di Mihajlovic. Ma è una squadra che deve crescere, e che con pazienza, abnegazione e voglia di fare potrà costruire un qualcosa di importante in chiave futuro.

Abbiamo allora provato a immaginare il Milan del futuro, costruendo un 11 di Under 26, tra calciatori già titolari con i rossoneri, attuali riserve e calciatori in prestito altrove.

DONNARUMMA
DE SCIGLIO ELY ROMAGNOLI CALABRIA
BERTOLACCI JOSE MAURI BONAVENTURA
SUSO BALOTELLI NIANG